Menù accesso rapido ai contenuti della pagina

Il Territorio

Il Comune di Villalago

Situato sulle sponde del lago di Scanno, nello splendido e selvaggio scenario della Valle del Sagittario. Confina con i Comuni di Scanno, Ortona dei Marsi, Anversa degli Abruzzi e Bisegna.

Villalago, al visitatore che viene da Sulmona attraverso le aspre Gole del Sagittario, appare all’improvviso in alto, sulla sommità del Monte Argoneta, a 930 m. s.l.m. Le case, allineate, su precipizi e dirupi stupiscono il visitatore. In basso il fiume Sagittario, folti pioppeti e la ridente valle dove il paese si adagia e dove sorgono i suoi laghi. il Lago di San Domenico, dalle acque limpide e verdi, meta preferita dai pescatori di trote. Il lago di Scanno, primo per estensione e bellezza, si situato in massima parte nel territorio di Villalago. Il lago Pio, oasi naturale di uccelli acquatici e meta di bambini e di quanti amano la natura.

Dalla piazza principale il paese si arrampica ad anfiteatro sul versante orientale del Monte Argoneta, in una suggestiva sequenza di gradinate, vicoli e piazzette, circondato da montagne con boschi di cerri e faggi, ai confini del Parco Nazionale d'Abruzzo.

Salendo su per le scalinate, s'accede al cuore del paese. S'incontra subito la Chiesa Parrocchiale, di stile Romanico-abruzzese. Vi si conservano un dipinto in tela del 1521 raffigurante la Madonna del Rosario, e l’altare di San Domenico:prezioso monumento del XII sec. scolpito in pietra.

Salendo ancora, si giunge alla “Porticella”, dove anticamente era sita una piccola porta che dava l’accesso all’abitato quindi al vecchio Municipio, (seconda metà del 1800, dove sorgeva la Chiesa di San Giovanni Battista.

Di seguito la torre campanaria che venne trasformata in torre civica e dotata di orologio nel 1887. Da qui si arriva al Palazzo della Cancelleria (XVI sec.), sede dell’antica Università, attualmente adibito ad abitazioni. Sono ancora visibili i resti di bifore e gli architravi in pietra.